Leggere scrivere e pubblicare Racconti online su Owntale

Una piattaforma ricca di funzionalità dove pubblicare, leggere e scrivere racconti gratuitamente. Mettiti alla prova e raggiungi il punteggio milgiore!

Oggi sembra una giornata perfetta: c’è il sole, fa caldo ma non troppo perché c’è un venticello gradevole,si respira aria di libertà,di estate, di felicità. Tutto sembra perfetto,il tempo sembra essersi fermato e le persone sembrano fermarsi proprio con il tempo,lo invidiano,invidiano i suoi momenti di quiete, di stasi. Perché ? Perché tutti vorremmo fermarci come il tempo, vorremmo dire “stop,un attimo “, desideriamo essere come lui. Siamo solo ridicoli in realtà, nulla si ferma,il tempo finge di fermarsi,finge di dire “stop”, ci inganna e noi ingenuamente scivoliamo nella sua rete invisibile ai nostri occhi ma che, in realtà, è astutamente e accuratamente tessuta. Perché vogliamo fermarci? Perché vogliamo essere come il tempo? Perché non ci godiamo i momenti,perché siamo sempre a mille, facciamo mille cose, pensiamo a mille pensieri belli e brutti,inutili e non. Eppure anche se ci piace andare a mille, ci piace fare tante cose, uscire a divertirsi, andare a cena fuori ecc.. abbiamo bisogno di un momento di quiete,un momento di stasi. Questo è necessario,la nostra mente lo richiede e non tanto perché ci dobbiamo riposare fisicamente o mentalmente, ma solo perché in quel momento assaporiamo veramente le emozioni provate prima, assaporiamo il dolore, la felicità, la malinconia ecc… I momenti di quiete ci servono per capire e assaporare la nostra vita, quando facciamo una cosa pensiamo ad un’altra cosa e poi ad un’altra ancora… facendo così non ci godiamo i momenti, gli attimi, le sensazioni. A volte vorrei tornare indietro per cambiare qualcosa e per vivermi davvero al 100 per cento le esperienze fatte, le emozioni. Andare a mille a volte è bello, fare tante cose, conoscere nuove persone,uscire,ridere scherzare ma serve anche fermarsi per riflettere e pensare. Ecco “pensare” questo dovremmo fare, dovremmo fare come i filosofi antichi che si distaccano dalla realtà e riflettono su di essa, dovremmo riflettere e pensare su qualsiasi argomento,anche il più banale. A me piace pensare, riflettere sul mondo che mi circonda, ho molte idee, alcune sbagliate altre non , ma le ho, eppure quando si tratta di esporle faccio fatica, non mi sento a mio agio. Sono insicura. Invidio chi non si fa problemi e sopratutto non ha paura di dire la sua e di farsi avanti. Voi riuscirete a segnare il tempo e forse anche a condizionare il suo andamento, noi no, noi continueremo ad invidiarlo. Ma tanto, alla fine, scoprirete anche voi di essere ridicoli, un po’ come tutti.

2
0

Commenta il racconto di

Lascia un commento

3 Comments

  1. Ignotochi
    Ignotochi

    Ciao Floppy, è una mera riflessione senza pretese e forme, ma di sostanza. Dice ciò che va detto in modo schietto.

    Credo che le persone abbiano paura di fermarsi a pensare, tanta. Fermarsi vuol dire affrontare ció da cui si scappa e si rimanda e allora continui a correre…

    Aggiungerei che è necessario invece, perché si cresce quando ci si ferma, non mentre si corre. L’elaborazione accresce e purifica, rinnova. Crea.

    Con affetto ignotochi