Leggere scrivere e pubblicare Racconti online su Owntale

Una piattaforma ricca di funzionalità dove pubblicare, leggere e scrivere racconti gratuitamente. Mettiti alla prova e raggiungi il punteggio milgiore!

20/11/2020

Stamani mi sono svegliato e con l’orzo a bollore che fumava, nell’attesa che ghiacciasse un po’, pensavo alle cose da fare; poi ho guardato l’orologio e segnava che era il 20 di Novembre. In un secondo mi sono ricordato che esattamente 2 anni fa questo era uno dei più emozionanti e bei giorni della mia vita. Iniziava una nuova avventura con una persona speciale, avremmo condiviso quel tempo e quel che ci restava pensavo, ma non è stato così. Per fortuna… Sono felice di confinarla entro quei ricordi che non avrebbero certi sapori se no. È stato bello così ed è bello così. Preferisco ricordare cosa è stato, anche se cosciente ora che ero cieco, piuttosto che buttar via proprio tutto. Alla fine la finzione è bella altrettanto se la si prende nel modo giusto, è un po’ l’arte del bello.

La riflessione del giorno:

La verità sta tra due specchi. Per uno la destra è a sinistra e per l’altro la sinistra è a destra. Ogni specchio la vede a modo suo. Si deduce allora che la verità è duale ed è verità in quanto tale. Perchè se stessa sia che destra sia a sinistra o che sinistra sia a destra. Di fatti la verità sta sempre nel mezzo.

2
0
Ignotochi
About

La mia missione è scrivere il presente e spedirlo al futuro, nascondere il mio tesoro e lasciare una mappa alle persone che vorranno trovarlo.

TAGS:

Commenta il racconto di

Lascia un commento

4 Comments

  1. Albi92mu
    Albi92mu

    Da piccolo i miei mi facevano viaggiare spesso con il treno, prendevamo l’interegionale quei treni che da firenze a brindisi ci mettevano 12h (i piu economici per intendersi)
    Mi ricordo questi vagoni della prima classe quasi sempre vuoti; (anche perchè la 1ˆ costava quasi più di un volo diretto) C’erano questi specchi uno di fronte all’altro e l’immagine si rifletteva eripeteva all’infinito diventava sempre piu piccola, fino a scomparire…
    Bhè ora capisco che la Realtà era un po come quel vagone vuoto, con due specchi che riflettevano e riflettevano e riflettevano un immagine in movimento sempre piu piccola, la Verità invece non è tra quei due specchi secondo me.
    La verità è un po come quel controllore che passando di li ti faceva alzare lo stesso…

    Caro Ignotochi chiunque tu sia, un giorno forse chissà potremo fare un viaggio insieme, diretti verso Verità!

  2. Alcano
    Alcano

    Triste! D’altro canto, come cita il noto detto, meglio soli.
    Ti ho letto distante, quasi pensieri buttati fuori per levarli dal cervello…bello, mi piace.
    Ma ancora di più mi intriga la tua definizione di “verità”, ampiamente soggettiva nelle cose umane quanto oggettiva in quelle naturali.
    Coincidenza?
    Vedi un po’ tu.

    1. Ignotochi
      Ignotochi

      “Ti ho letto distante, quasi pensieri buttati fuori per levarli dal cervello” si esatto era proprio così, stato un flusso dettato da un momento preciso, un innesco di ricordi e l’ho buttato fuori di getto.

      è vero hai colto il senso della riflessione sulla “verità” la sua dualità è proprio quanto hai detto tu =)