Leggere scrivere e pubblicare Racconti online su Owntale

Una piattaforma ricca di funzionalità dove pubblicare, leggere e scrivere racconti gratuitamente. Mettiti alla prova e raggiungi il punteggio milgiore!

Il sole tramonta, non c’è nemmeno una nuvola in cielo, la sabbia finalmente non scotta più e la spiaggia è vuota.

Ci sono solo io con i miei soliti pensieri, mi butto in acqua, nuoto e guardo il sole. Più cerco di raggiungerlo più lui si allontana.

L’acqua è calma sono solo io a disturbarla, allora mi fermo e ascolto ciò che mi sta attorno.

Mi sdraio a morto sulla superficie del mare e mi rilasso, quasi mi addormento, poi sento qualcosa che mi spinge verso il fondo, apro gli occhi.

Sono sott’acqua non riesco a muovermi sono legata a qualcosa che mi spinge sempre più a fondo. 

Cerco di tornare in superficie ma non riesco, poi mi guardo attorno e mi accorgo che non c’è nulla in mare, sono io che faccio affogare me stessa. 

I pensieri pesano, ma quando li prendi con leggerezza riesci sempre a tornare in superficie. 

Nuoto e dal fondo torno a galla, esco dall’acqua, mi sdraio sulla sabbia, non importa se mi si appiccica addosso, non sento niente ma sono tornata a galla.

0
0
Benedetta.palamidese

A 17 anni mi sono trovata a scrivere dei racconti settimanali per un progetto scolastico. Mi è piaciuto ed ora eccomi qui

TAGS:

Commenta il racconto di

Lascia un commento

3 Comments


  1. Ciao, mi ritrovo a commentare ciò che hai scritto. E’ vero che i pensieri pesano e che se li “prendi” con leggerezza riesci a non averli. Ammesso che si resca ad alleggerirli, a quale costo? Insensibilità, far finta di niente, durezza d’animo? Non credo, sinceramente, che questa sia la strategia, per così dire, migliore.
    Credo che, quando i pensieri pesano, non bisogna portarli fuori dal piatto della bilancia ma guardarli ad uno ad uno, anche se fanno male, e sostituirli con quelli che nascono da un nuovo agire e pensare positivo, questo sì, leggero e rivolto al domani.
    Scusami per questo “pippone”. Lo so, a volte sono più pesante dei pensieri
    pesanti.

    P.S.: Ma come funziona questo sito? Mi sembra un sito dove le composizioni rimangono statiche, ferme, in atttesa di qualcosa che le smuova che non arrriva.

    1. Benedetta.palamidese
      Benedetta.palamidese

      Ciao! Nessun pippone, ogni pensiero ha il diritto di essere ascoltato.
      Hai ragione spesso alleggerire i pensieri può essere una soluzione solo temporanea. Ammetto di fare fatica ad affrontare i problemi faccia a faccia perché spesso accettare la verità per quello che è appare impossibile. Può sembrare una frase fatta ma non c’è nulla di più vero!
      Anche io sono alle prime armi con questo sito, credo di aver capito che semplicemente i racconti più recenti rimangono i primi ad essere visibili, cogliamo l’attimo!