Leggere scrivere e pubblicare Racconti online su Owntale

Una piattaforma ricca di funzionalità dove pubblicare, leggere e scrivere racconti gratuitamente. Mettiti alla prova e raggiungi il punteggio milgiore!

Cazzo,non ricordo una sega,raga.

Voglio dire nulla di nulla. Ieri sera ero in un posto, per dimenticare che la mia lei era a giro con un lui che non ero io (il che fa sì che sì,dite giusto, in quei momenti era lei ma non era mia,lo so); e cazzo sono stato quasi felice. Ho visto un pezzo della città come la volevo vedere. Come se la città fosse mia, ripulita del marcio. Per un momento, io e la città abbiamo respirato uno stesso ritmo urbano. Gli alberi intorno erano verdi e marroni per un motivo che andava oltre la banalità cromatica della loro natura brunoverdastra.

Felice no,ho esagerato. Ovvio. Ma ecco quando le cose girano per il verso giusto,o pare che vada così, il tempo pare avere cura di noi. Ma non dirò mai come un ex amico mi disse che basta ricordare dove la nostra famiglia va al mare per sapere dove stia la vacanza, o che basti avere la pancia piena per essere contenti della vita…della serie, ad altri andrà peggio ma chi se ne frega di quegli altri,muovetevi voi per loro…

Siamo tutti spacciati,moriremo tutti.

Sia che siamo utili e geniali, sia che siamo pigri e inconcludenti. Importanti o cazzoni di questa società, finiremo tutti in una scatola di legno sottoterra, a fertilizzare la Terra per chi resterà. Ma una cosa che non sapevo ora so: che non sono qui su questa Terra per annoiarmi. Se volete, fatelo voi. Nessuno vi ripagherà però,sappiatelo.

Ora ciò che so è che o ti fermi a fare ciò che desideri, o nessuno ti chiamerà per organizzarti giorni belli. Anzi,tutti ti getteranno merda addosso,vorranno farti fare lavori sottopagati per non farli loro, e se ci cadrai li sostituirai nella catena della sfiga!

Portate il vostro culo nei posti migliori.

Perché altrimenti andrete nel Luogo dei Rinnegati, nella Piazza dei Perdenti.

E non volete questo,giusto?

Quando entro in un cesso che non sia di casa mia, piscio lesto e me ne vado. Non cago finché non torno a casa,sul mio water. Ecco, in questo mondo tutti ti indicano i water peggiori. Ma non è bene sedervisi. Se lo fate, è a vostro rischio. Si fa la pipì, e si va via. Chi caga ovunque, sta perdendo un pezzo di sé cagando: solo una merda può reggere ai peggiori water.

Con questo che voglio dire?

Che la vita sia una merda?

Che noi siamo pezzidimerda?

“La vita è come una scatola di cioccolatini”:

alcuni sono al cacao,altri qualcuno li cacò.

Si pesca tutti,ma non si sa quello che capiterà.

Un po’ alla Forrest Gump.

 

 

 

 

 

 

0
0
FilippoArmaioli

Scrivo su Alidicarta e Owntale.

Commenta il racconto di

Lascia un commento

5 Comments